Tra i rimedi più adoperati contro le zanzare ci sono ovviamente le trappole. Intrappolare e uccidere una zanzara che vorrebbe introdursi in casa per succhiare il nostro sangue, infatti, è molto più soddisfacente che saperla libera là fuori, al di là della zanzariera, pronta a colpirci se usciamo, ed è molto meno faticoso che inseguirla per tutta casa per schiacciarla con una racchetta elettrica, con una paletta o (per i tradizionalisti) a mani nude.

In commercio esistono molti tipi di trappole contro le zanzare, come ad esempio le trappole luminose, costituite dalla zanzariera elettrica (che frigge le zanzare con la corrente) e la lampada antizanzare a ventola, che le risucchia e le imprigiona. Parallelamente a queste, però, ce ne sono diverse che possono essere realizzate in modo del tutto autonomo.

Perché attirare le zanzare in trappola?

I vantaggi di una trappola per zanzare fai da te sono innanzitutto economici, perché spesso queste trappole possono essere realizzate utilizzando oggetti e materiali che si trovano in casa (ad esempio le bottiglie dell’acqua), ma anche ecologici, perché di norma non richiedono corrente e quindi non consumano risorse. Le trappole fai da te hanno di solito un costo prossimo allo zero, sono quasi sempre naturali al 100% e richiedono soltanto un po’ di buona volontà.

Per le trappole che trovate nei negozi, vi rimandiamo al nostro shop di prodotti antizanzare, mentre in questo articolo ci concentreremo sulle trappole per zanzare “fatte in casa”, passando brevemente in rassegna i meccanismi, le differenze, i pro e i contro dei progetti più efficaci e facili da realizzare.

Trappole specifiche per la zanzara tigre

Cominciamo con la zanzara tigre, la più temuta per la sua aggressività e per le malattie che trasmette. Sappiamo che la Aedes Albopictus, a differenza delle sue simili, è attiva soprattutto di giorno. Questo vuol dire che le trappole luminose, cioè quelle che attirano zanzare ed altri insetti quando è buio, non funzioneranno. Per avere qualche chance di intrappolare anche delle zanzare tigre, perciò, è necessario usare delle trappole che funzionino 24 ore. Vediamone alcune.

Trappole ad anidride carbonica

L’anidride carbonica è senz’altro uno dei principali fattori che attirano le zanzare, perché seguendo le emissioni di anidride carbonica sanno che quasi sempre troveranno una persona o un animale da pungere. Le trappole ad anidride carbonica sfruttano proprio questa dinamica, simulando la presenza di una preda per attirare le zanzare e imprigionarle con un secondo meccanismo. La produzione di anidride carbonica viene innescata attraverso la reazione chimica di due o più ingredienti comuni, come ad esempio l’acqua zuccherata e il lievito di birra (per questo è conosciuta anche come “trappola per zanzare col lievito”). L’anidride carbonica funge quindi da esca, ma la trappola ha bisogno di una struttura che sia in grado di imprigionare le zanzare. Per questo scopo si usa, come accennavamo prima, la classica bottiglia dell’acqua.

Trappole fai da te con la bottiglia

trappole zanzare bottiglia

Se l’anidride carbonica è l’esca con cui attirare le zanzare, la bottiglia è uno degli strumenti più diffusi con cui realizzare la trappola vera e propria. Queste trappole sono facilissime da realizzare, basta una semplice bottiglia da almeno 1,5 litri (meglio se da 2 litri) usata. Tagliandola in due parti e rovesciando la parte più alta sopra la base si crea una struttura in grado di permettere l’accesso alle zanzare, ostacolandone al contempo la fuga. A questo punto si inseriscono sul fondo gli ingredienti per attirare le zanzare, che dopo non potranno più uscire. Se cercate una trappola per zanzare ancora più semplice, senza dover ricorrere al lievito per generare delle reazioni chimiche, allora potete usare una “trappola ad olio”.

► LEGGI ANCHE: Come realizzare la trappola con la bottiglia

Trappole da interno

La soluzione della bottiglia è discreta ed occupa poco spazio, perciò può benissimo essere impiegata in casa, a patto di essere disposta in un angolo dove non dà fastidio e non corre il rischio di essere urtata per sbaglio. In casa, invece, la trappola con l’olio potrebbe produrre cattivo odore ed è quindi fortemente sconsigliata.

Trappole da giardino

Se invece avete anche uno spazio esterno, come ad esempio un giardino o un terrazzo, allora potete sbizzarrirvi come volete. Bottiglie, bacili d’olio e chi ne ha più ne metta. Tenete presente, però, che animali domestici come cani e gatti potrebbero danneggiarle, perciò disponetele in un punto protetto. Inoltre, preparatevi a rinnovare gli ingredienti della trappola molto spesso, perché stando all’aperto finirete per intrappolare non solo zanzare, ma anche mosche ed altri insetti.

Le trappole per zanzare sono davvero efficaci?

Nessuna trappola può essere garantita in partenza. Anche se realizzata alla perfezione, il luogo, la presenza di potenziali vittime o di alternative all’esca predisposta costituiscono delle variabili che possono alterare anche di molto il risultato. Mettere una trappola con bottiglia vuota al vostro fianco mentre dormite, ad esempio, non riuscirà certo a distrarre le zanzare tanto da evitare le punture. Il nostro consiglio è di approfittare del bassissimo costo di queste trappole per provare i diversi sistemi e scoprire quello che risulta più efficace nel vostro caso particolare.

Leggi anche:

  • 3
    Shares

2 Responses

  • Sono un grande utilizzatore dei noti tappi gialli per bottiglie di plastica da anni in commercio a pochi euro e devo dire che il mio misto teste di acciuga, parti di calamaro ed altre frattaglie mischiate con l’aceto è talmente disgustoso che attira milioni di mosche, tafani, vespe, calabroni ed altri insetti, ma… ahimè solo casualmente qualche zanzara e qualche papatacio. Fortunatamente le api, intelligenti, non vengono attirate. Ora proverò la bottiglia faidate con lievito e acqua gassata e vediamo se funziona. Grazie! Ugo

    • Ciao Ugo, vediamo con piacere che sei un esperto e ti dedichi in prima persona alla lotta! 🙂
      In bocca al lupo con i tuoi esperimenti e non dimenticarti di farci sapere come è andata!
      PS: C’è chi nella bottiglia mette il liquido di scolo della compostiera (che è anche un ottimo fertilizzante naturale), sostenendo che è ottimo per attirare le zanzare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *