La natura è un sistema incredibile, all’interno del quale ogni elemento, anche quello all’apparenza più insignificante o persino dannoso, possiede una sua utilità. Il concetto si applica ovviamente anche alle zanzare, insetti fastidiosi e pericolosi che tuttavia nell’ecosistema mondiale svolgono un ruolo importante e necessario, come tutte le altre specie viventi.

Eppure, mentre ci grattiamo per una puntura appena scoperta, o mentre ci svegliamo di soprassalto in preda ad una furia omicida a seguito del loro fastidioso ronzio, viene naturale mettere in dubbio il grande disegno della natura e chiedersi: ma perché esistono le zanzare? E soprattutto, sono davvero necessarie?

A cosa servono le zanzare in natura

Se esistono da milioni di anni, molto più tempo dell’uomo, è ovvio che qualche utilità le zanzare devono averla per forza. Del resto, come ricorda anche Wikipedia, l’attività di pungere gli esseri umani rappresenta solo una piccolissima parte dei compiti di questi insetti. Al mondo si contano infatti oltre 3000 specie di zanzare, e solo 200 di queste pungono gli essere umani.

► LEGGI ANCHE: Le principali specie di zanzara 

Che poi sono solo le femmine a pungerci, perché hanno bisogno delle proteine contenute nel nostro sangue per produrre le uova. Se non fosse per questa necessità biologica, probabilmente eviterebbero volentieri di ronzarci intorno, costantemente esposte al rischio di venire uccise, e come i maschi della zanzara se ne starebbero tranquille a gironzolare tra le piante in cerca di nettare.

Utilità delle zanzare nell’ecosistema

E qui veniamo alla prima delle utilità delle zanzare, ossia il ruolo di insetti impollinatori. Eccezion fatta per il pasto di sangue delle femmine di alcune specie, le zanzare si nutrono soprattutto del nettare dei fiori. Volando da un fiore all’altro, contribuiscono (su vasta scala) alla diffusione di pollini da una pianta all’altra, nella stessa maniera in cui fanno le api.

Ma le zanzare hanno anche un’altra importante funzione in natura: sono cibo per moltissimi altri animali. Nello stato di larve, si nutrono di piccolissime alghe e altro materiale organico, divenendo a loro volta cibo per pesci, rettili (rane e salamandre, per esempio) e altri insetti. A seguito della loro trasformazione in insetti adulti, inoltre, diventano fonte di nutrimento anche per uccelli e pipistrelli.

utilita zanzare jurassik park

Se da un giorno all’altro sparissero tutte le zanzare sulla faccia della Terra, insomma, più di qualche animale storcerebbe il naso, o meglio lo stomaco (pensate ad esempio alla tundra artica, dove le zanzare sono tra le pochissime fonti di nutrimento per gli uccelli) ma ci sarebbero ripercussioni anche su molte coltivazioni (ad esempio alcune zanzare impollinano le piante di cioccolato). Per questo, di fronte alle ipotesi formulate da numerosi scienziati circa le possibilità di  utilizzare tecnologia genetiche per estinguere le zanzare, gli scenari derivanti non sono molto incoraggianti.

► LEGGI ANCHE: Che mondo sarebbe senza le zanzare?

Infine, sebbene l’ultimo punto sia piuttosto improbabile e richieda quindi un po’ di fantasia, non dimentichiamo che le femmine di alcune specie di zanzara possono divenire sorprendenti strumenti di conservazione del patrimonio genetico di animali ormai estinti. Ricordate la zanzara imprigionata nell’ambra fossile grazie alla quale John Hammond riusciva a riportare i dinosauri sulla Terra nel film “Jurassik Park“?

Leggi anche:

  • 89
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *