Il principio del funzionamento della racchetta antizanzare è simile a quello della sua sorella maggiore, la zanzariera elettrica.

Si tratta in sostanza un circuito di conduttori isolati alla base del quale sono presenti duplicatori di tensione che moltiplicano la tensione generata dalla batteria presente nel manico della racchetta, creando una differenza di potenziale con la cordatura. Quando la racchetta tocca la zanzara, l’insetto provoca il corto circuito che produce la scossa.

A differenza della lampada elettrica che fulmina gli insetti, la racchetta è uno strumento attivo che funziona a batterie, ma possiede al suo interno i classici spinotti per agganciarla alla presa di corrente e ricaricare le batterie quando necessario. Sebbene si tratti di un’operazione molto semplice, in realtà la forma specifica della racchetta rende piuttosto complicato metterla in carica inserendo gli spinotti in una presa a muro, perciò vi consigliamo di acquistare una prolunga per ricaricare la racchetta in modo più comodo.

Una volta carica (di solito c’è una spia verde che si illumina) la racchetta può essere sganciata e usata per dare la caccia alle zanzare che sono in casa. Il consiglio che vi diamo è di non colpire con forza, ma seguire il volo della zanzara con delicatezza, fino a toccarla. Lo spostamento d’aria dei colpi più violenti, infatti, potrebbe farvi sfuggire l’obiettivo.

Altra cosa: non aspettate che la batteria sia completamente scarica prima di ricaricarla, perché potrebbe servirvi all’improvviso e la zanzara potrebbe sfuggirvi.

Acquista una racchetta antizanzare:

  • Racchetta Anti Zanzare

    Uno degli antizanzare più scelti perché semplice da usare e comodo da avere sempre a portata di mano, soprattutto in casa. Noi vi consigliamo i modelli più moderni, che hanno anche la presa per la ricarica usb!

    not rated  12,99

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *