Ogni ricerca sulle zanzare è da noi considerata la benvenuta. In fondo è importante conoscere ogni aspetto del nemico, per riuscire a sconfiggerlo, anche se a volte le scoperte che arrivano dalla comunità scientifica ci sembrano poco significative se confrontate con situazioni che si verificano quotidianamente nella realtà.

Prendiamo ad esempio una delle ultime news che arriva dalla ricerca. Secondo quanto pubblicato su Current Biology, Jeffrey Riffell, dell’Università di Washington (Stati Uniti), afferma di aver scoperto che, quando cerchiamo di scacciare le zanzare agitando le mani e le braccia, queste memorizzano il nostro odore e ci evitano per un certo periodo di tempo, provando a cercare un’altra preda.

Il team di Riffel si è servito di un piccolo cesto nel quale sono stati riprodotti vortici e vibrazioni simili agli spostamenti d’aria che creiamo noi con le mani e con le braccia quando cerchiamo di scacciare o ammazzare gli insetti. Nel cesto sono stati anche diffusi degli odori in grado di attirare le zanzare, simulando quindi lo scenario reale in cui una zanzara vuole pungerci, ma viene individuata e scacciata, rischiando la vita. I ricercatori hanno introdotto nel cestino le zanzare, esponendole per 15 minuti all’esperimento, e poco dopo sono state esposte allo stesso odore attrattivo una seconda volta, in questo caso senza circostanze rischiose. La sorpresa è stata che le zanzare avevano in qualche modo memorizzato l’odore connesso al pericolo, e non ne erano più attratte come prima. Un atteggiamento prudente che è durato appena circa 24 ore, dopodiché gli insetti sono tornati nel loro stadio naturalmente aggressivo.

Sebbene l’esperimento arricchisca senz’altro la conoscenza che abbiamo delle zanzare, poco o nulla cambia nella realtà dei fatti.

A volte ritornano

L’istinto di sopravvivenza potrebbe quindi riuscire ad allontanarle da noi, ma non dimentichiamo che le femmine di zanzara ci pungono perché costrette dall’imperativo imperativo biologico della riproduzione, perciò allontanarle funzionerà solo se troveranno a breve raggio qualche altra vittima da pungere. In caso contrario, sarà solo questione di tempo, torneranno ronzarci intorno per pungerci.

Meglio schiacciare che scacciare

Allontanarle è inoltre un semplice palliativo. Anche ammesso di riuscire a convincerle, se pungeranno qualcuno e riusciranno a deporre le uova, dopo 7-10 giorni avremo tante nuove zanzare che potranno pungerci. Le zanzare non sono mosche fastidiose da scacciare, ma insetti che succhiano il nostro sangue e possono portare malattie, riproducendosi a ritmo esponenziale con l’arrivo dei giorni più caldi dell’anno. Perciò non ci pare il caso di accontentarsi di averle allontanate, ma anzi sarebbe opportuno assicurarsi di averle uccise.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *