Se siete soliti utilizzare i prodotti omeopatici e simpatizzate per i rimedi naturali, probabilmente avrete già sentito parlare del Ledum Palustre. Si tratta di una pianta chiamata Rhododendron tomentosum (ma è più facilmente conosciuta col nome di Rosmarino Selvatico), il cui principio attivo è largamente utilizzato per diversi scopi, tra cui soprattutto tenere lontane le zanzare e lenire dolori muscolari e articolari. In questo articolo, ovviamente, ci concentreremo sulla prima funzione, andando poi ad analizzare le modalità in cui è consigliato assumere il Ledum Palustre per ottenere i benefici maggiori, senza risparmiare uno sguardo sulle eventuali controindicazioni.

A cosa serve?

Conosciamo tutti le piante considerate anti zanzare. Non è una sorpresa allora che le possieda anche il rosmarino selvatico, che evidentemente appartiene a quella famiglia di repellenti naturali. Il Ledum Palustre in omeopatia è allora utilizzato per modificare l’odore della nostra pelle in modo da renderla poco gradita alle zanzare. Il vantaggio di questa soluzione è che il cambiamento nell’odore non viene avvertito dalle altre persone, ma solo dagli insetti.

Come funziona

Il principio attivo di questa pianta viene commercializzato in diversi tipi di prodotti:

  • Gocce
  • Compresse
  • Spray
  • Crema

Mentre gocce e compresse mirano a interagire col nostro organismo dall’interno, col passare dei giorni, la versione in spray o crema è più adatta come repellente naturale ad effetto immediato nella zona di applicazione, da usare al momento del bisogno.

Le compresse o granuli, in particolare, si trovano disponibili in commercio con diversi gradi di concentrazione:

  • 200 CH
  • 30 CH
  • 9 CH
  • 7 CH
  • 5 CH

La sigla “CH” indica la diluizione del prodotto, dove “C” sta per “centesimale”, ossia la base della diluizione, e “H” sta per Hahnemann, ossia il cognome del medico tedesco fondatore dell’omeopatia. Più il valore di CH è alto, più l’essenza della tintura madre è stata diluita, di conseguenza il prodotto è meno concentrato.

NB: Prima di prendere iniziative di qualunque genere, ad ogni modo, raccomandiamo fortemente di consultare il proprio medico, un omeopata o il farmacista di fiducia.

Dal momento che il processo di cambiamento del nostro odore non è immediato, ma richiede generalmente qualche giorno, è opportuno iniziare ad assumere i granuli con un certo anticipo rispetto all’arrivo della stagione delle zanzare (sarebbe ideale iniziare almeno a maggio) e proseguire fino al termine della stessa (almeno ottobre). I granuli (o globuli) vanno assunti rigorosamente a stomaco vuoto (preferibilmente lontano dai pasti), posizionandoli sotto la lingua senza farli entrare in contatto con le mani e lasciandoli sciogliere. I globuli sono stipati all’interno di un tubo dotato di un tappo dosatore. Ruotando il tappo, i granuli finiscono uno alla volta nel dispenser, così è possibile ottenere il dosaggio desiderato e posizionare i granuli direttamente sotto la lingua.

Posologia

Come abbiamo visto, il Ledum Palustre è disponibile in concentrazioni (CH), che a seconda del soggetto interessato possono essere assunte per più volte al giorno oppure come dose unica. Per conoscere il dosaggio più idoneo al vostro caso, vi consigliamo caldamente di rivolgervi ad un omeopata, oppure al vostro medico o farmacista di fiducia.

Giusto per fornirvi un riferimento di massima, in caso di diluizioni comprese tra 5CH e 9CH, che sono le più diffuse sul mercato, il dosaggio standard equivale a 3 granuli per 3 volte al giorno (quindi 9 in tutto).

Effetti collaterali e controindicazioni

Verificare con un esperto il dosaggio corretto è importante per non sovraccaricare l’organismo di una sostanza che, se assunta in quantità eccessive, può avere degli effetti collaterali come crampi addominali, bocca asciutta, irritabilità e sonno protratto per più tempo del solito. Questi disturbi, che potrebbero essere associati ad una intossicazione da Ledum Palustre, possono diventare più evidenti e fastidiosi in caso si assumano anche alcool o sostanze stupefacenti. Un ulteriore effetto collaterale consiste nell’aumento dell’eccitazione generale del soggetto.

Prezzo

Il prezzo di un tubo-dispenser di granuli si aggira intorno ai 10 euro per circa 80 granuli (abbiamo preso come riferimento una delle marche più conosciute, ossia Boiron), mentre il costo di spray e creme repellenti a base di Ledum Palustre è in media di 15-20 euro a confezione.

Dove si compra

Potete trovare il Ledum Palustre in farmacia, erboristeria, e ovviamente online.

  • ledum palustre granuli spray

    Ledum Palustre granuli e spray repellente

    Il Ledum Palustre è un rimedio antizanzare assolutamente naturale, che si trova disponibile sia in forma di piccoli granuli, sia in spray repellente. Le pillole di Ledum Palustre, che trovate in farmacia, in erboristeria e anche online, sono un rimedio omeopatico la cui diluizione varia dai 3CH ai 200CH. Assunte regolarmente già prima del periodo “caldo” per le zanzare, e quindi a partire dalla primavera inoltrata, queste palline a base di Ledum Palustre alterano l’odore del sudore di chi le ingerisce, rendendolo sgradevole verso le zanzare. Lo spray a base di estratto di Ledum Palustre funziona invece come un normale repellente contro le zanzare, e va applicato sulla pelle secondo necessità.

    not rated

Ma il Ledum Palustre funziona davvero?

Dopo aver sviscerato a fondo la questione Ledum Palustre, al domanda finale è: ma funziona? La risposta – purtroppo – è sì, ma non per tutti! Come spesso accade nei confronti dei repellenti antizanzare (soprattutto per quanto riguarda quelli naturali, ma anche per quelli chimici) per ogni persona che testimonia con entusiasmo la sua esperienza positiva ce c’è un’altra che lamenta la completa inefficacia del prodotto.

Purtroppo tutto ciò è inevitabile, dal momento che ognuno di noi è unico anche per quanto riguarda l’odore della pelle (nel quale intervengono anche ormoni e dieta alimentare). Ogni persona avrà quindi un risultato diverso. L’unica soluzione è provare, e adottare un altro rimedio se questo non funziona.

2 Responses

  • Io ho usato ledum 5CH (3 granuli 2 volte al giorno) ma ho iniziato troppo tardi (luglio inoltrato) quindi non ho ottenuto il risultato sperato; sono comunque contenta perchè le punture delle zanzare sono calate moltissimo ed erano meno dolorose. Il prossimo anno ho intenzione di iniziare a prenderle il primo maggio così sono sicura che per l’arrivo delle zanzare sarò completamente immune.

    • Ciao Cristina e grazie di aver dedicato un po’ del tuo tempo per raccontarci la tua esperienza con questo rimedio. Purtroppo per essere sicuri che un rimedio funzioni non è sufficiente il singolo caso (e bisognerebbe anche vedere se nella tua zona questa estate c’erano più o meno zanzare del solito, se sei uscita di casa più o meno del solito, insomma bisognerebbe avere molti più dati). Ad ogni modo siamo ovviamente felici che tu sia riuscita a ridurre molto il problema delle zanzare, e ti invitiamo, se e quando l’anno prossimo deciderai di ripetere l’esperimento, a farci sapere come andrà.
      Nel frattempo in bocca al lupo, perché siamo ad ottobre ma la piaga delle zanzare non è ancora da considerarsi alle spalle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *