World Mosquito Day: come Difendersi dalle Zanzare

Le punture di zanzara sono fastidiose, antiestetiche e possono causare gravi problemi di salute. In tutto il mondo, le zanzare sono state ritenute responsabili della morte di oltre 500 milioni di persone nel corso del XX secolo (soprattutto a causa della malaria). Fortunatamente, esistono molti modi per prevenire le punture di zanzara ed evitare di essere infettati da virus come il West Nile Virus (WNV), lo zika virus o la febbre dengue.

» APPROFONDISCI: Principali malattie trasmesse dalle zanzare

Cos’è il World Mosquito Day

dottore inglese sir ronald ross scoprì il parassita della malaria nel 1897La Giornata mondiale della zanzara è una giornata dedicata alla sensibilizzazione sui pericoli collegati alla presenza delle zanzare. Viene celebrata il 20 agosto perché in questa data, nel 1897, il dottore inglese Sir Ronald Ross scoprì il parassita della malaria nel tessuto dello stomaco di una zanzara femmina del genere Anopheles. Furono i usoi studi, in seguito, a confermare che le zanzare erano il vettore che trasportava questo parassita da un essere umano all’altro.

» LEGGI ANCHE: Quanti e quali tipi di zanzare ci sono?

Nella Giornata mondiale delle zanzare, possiamo celebrare tutto ciò che facciamo per combattere le zanzare e prevenire la trasmissione di malattie ad esse collegate, dall’indossare un repellente per insetti quando siamo all’aperto all’eliminare l’acqua stagnante in cui le zanzare si riproducono. Per questo motivo abbiamo approfittato per fare un piccolo riepilogo su tutto quello che possiamo fare oggi contro le zanzare.

Prima di tutto, proteggiamoci dalle punture

La prima cosa da fare è difenderci dalle punture di zanzara. Possiamo usate un repellente, indossate abiti chiari, vestiti con maniche e pantaloni lunghi, meglio ancora se con calze e calzini, per coprire il più possibile la pelle. Non dimentichiamo l’importanza delle zanzariere, utili per sbarrare l’accesso agli insetti nelle nostre case e fondamentali anche se andiamo in campeggio.

Indossare indumenti di colore chiaro

Il modo più semplice per evitare di essere punti è quello di rendersi meno attraenti per le zanzare. Più riusciamo a mimetizzarci nell’ambiente circostante, meno è probabile che ci notino. Nuovi studi confermano che le zanzare sono attratte dai colori scuri come il nero e il blu marino, nonché dalle aree sudate che potrebbero indicare la presenza di vasi sanguigni. Evitate di indossare profumi quando siete all’aperto, perché attirano le zanzare ancora di più del solito!

Usiamo un repellente per zanzare

Per difenderci meglio dalle zanzare, esiste una varietà di repellenti per zanzare con diversi livelli di efficacia. Il DEET è uno dei principi più efficaci, ma può essere pericoloso in alte concentrazioni e non dovrebbe essere usato sui bambini di età inferiore ai 2 mesi. Esistono anche repellenti che contengono olio di limone ed eucalipto, che si sono dimostrati meno tossici del DEET e non danneggiano i tessuti di cotone o i materiali sintetici come il Gore-Tex o il nylon. Tuttavia, questi repellenti possono essere efficaci solo per un massimo di due ore prima di dover essere riapplicati.

» LEGGI ANCHE: I migliori repellenti anti zanzare

Eliminiamo l’acqua stagnante intorno a casa

Più zanzare ci sono più sarà difficile evitare di essere punti: per questo la prevenzione inizia nell’attuare delle buone pratiche che ne contrastino la diffusione. Quella più radicale ed efficace è eliminare l’acqua stagnante intorno alla casa. Le zanzare si riproducono nell’acqua stagnante, quindi dobbiamo assicurarci di svuotare secchi, sottovasi e altri contenitori che possono raccogliere acqua piovana. Se abbiamo un giardino, inoltre, possiamo impegnarci per gestire l’irrigazione senza usare eccessive quantità di acqua che potrebbero formare delle piccole pozze.

Spegniamo le luci

Tenere le luci accese il meno possibile non fa bene solo alla bolletta della corrente elettrica, perché le luci attirano le specie di zanzare (almeno quelle attive di notte come ad esempio le Culex), soprattutto quando sono accese per lunghi periodi di tempo o lasciate accese nelle ore serali, quando è più probabile che le persone siano all’aperto.

Finestre chiuse o ben protette dalle zanzariere

Le zanzare riescono a “fiutare” da grande distanza l’anidride carbonica che emettiamo, e la seguono come una traccia fino alla stanza in cui siamo. Ecco perché è fondamentale chiudete bene le finestre e le porte di casa, o comunque fare uso di zanzariere almeno intorno al nostro letto.

» APPROFONDISCI: Guida alla scelta delle migliori zanzariere

Nulla è efficace al 100%

Ricordiamoci che nessuna delle tecniche appena descritte può garantirci di essere al riparo dalle punture di zanzare. Le maniche e i pantaloni lunghi, ad esempio, lasciano scoperte zone del corpo come i polsi o le caviglie, dove le zanzare potrebbero pungerci. Gli stessi repellenti potrebbero non essere stati applicati alla perfezione, e comunque perdono efficacia col passare del tempo (e col sudore). Perfino le zanzariere, a seconda della tipologia e di come vengono usate, non possono darci la sicurezza al 100% di non essere punti.

Educare le persone intorno a noi

La prevenzione delle zanzare è importante per i rischi per la salute, ma anche per l’ambiente e l’economia. Sensibilizzare le persone intorno a noi alla prevenzione delle zanzare è fondamentale, e possiamo farlo in diversi modi, tra cui:

  • approfittare degli incontri dal vivo con amici e familiari per informarli e magari dare il buon esempio;
  • utilizzare piattaforme di social media come Facebook o Instagram per pubblicare immagini relative alla prevenzione delle zanzare.

Tutti noi di Zerozanzare desideriamo ringraziare i nostri lettori per aver dedicato del tempo alla lettura di questo articolo. Ci auguriamo che l’abbiate trovato utile e istruttivo e vi auguriamo una felice Giornata Mondiale della Zanzara!

Condividi

Lascia un commento