Diversi utenti di forum hi-tech sostengono entusiasti la loro efficacia, mentre dal punto di vista scientifico non esistono conferme. Come la mettiamo con le app a ultrasuoni antizanzare che si installano sullo smartphone e promettono di tenere lontane le zanzare (entro un raggio di pochi metri) in modo completamente gratuito?

Il segreto del successo delle app antizanzare

Con l’arrivo della primavera, il numero di download delle app antizanzare sui marketplace di Android e iOS subisce un incremento vertiginoso. Cercando la parola “zanzare” su Google Play o sull’Apple Store la ricerca restituisce decine e decine di app, tutte molto simili tra loro, tutte “free” (ma anche piene zeppe di pubblicità) e tutte rigorosamente basate sullo stesso meccanismo, ossia gli ultrasuoni.

Torniamo quindi al solito interrogativo: i dispositivi a ultrasuoni funzionano davvero contro le zanzare?

Ebbene la risposta giusta sembrerebbe essere “NO”, almeno stando a quanto sostiene la scienza a proposito delle zanzare, che non avrebbero udito e che quindi sarebbero del tutto indifferenti ai suoni a basse frequenze che le app antizanzare fanno produrre agli smartphone. In effetti esistono moltissimi studi scientifici secondo i quali le femmine delle zanzare (le uniche che effettivamente si nutrono di sangue in quanto hanno bisogno di proteine per produrre le uova) scelgono le loro vittime in base alle emissioni di anidride carbonica e soprattutto in base all’odore della pelle. In una dinamica simile, non ci sarebbe dunque il benché minimo spazio per l’efficacia degli ultrasuoni delle app antizanzare, che in teoria, riproducendo il richiamo sessuale del maschio, infastidirebbe le femmine già fecondate.

La questione sembra insomma piuttosto chiara, e il test realizzato da Altroconsumo, del quale vi proponiamo il video di seguito, sembra fugare ogni dubbio.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Come è evidente, non appena lo smartphone (con l’app attivata) e il braccio della povera ragazza fanno il loro ingresso nella teca con le zanzare, il lembo di pelle scoperta della coraggiosa assistente viene letteralmente preso d’assalto dalle zanzare.

Eppure…

Il discorso sembrerebbe concluso, ma c’è un ma. Navigando tra i contenuti in rete dedicati ai dispositivi a ultrasuoni e alle app antizanzare, è possibile raccogliere numerosi pareri positivi da parte di chi ha provato personalmente questi rimedi antizanzare. Certo, non è il caso di avvalorare queste testimonianze al pari delle evidenze scientifiche, eppure un piccolo dubbio resta.

Le spiegazioni potrebbero essere diverse, come ad esempio il fatto che le recensioni positive presenti su diversi negozi online siano orchestrate dall’azienda che vende il prodotto per motivi di marketing. Potrebbe anche darsi che chi ha provato questi rimedi non ha considerato che il motivo che ha allontanato la zanzara in questione potrebbe essere stato un altro e non l’attivazione del dispositivo a ultrasuoni.

  • Ultrasuoni Antizanzare

    Cercate uno scaccia zanzare economico? Allora forse dovreste provare i dispositivi a ultrasuoni. Questi apparecchi emettono delle onde sonore a frequenze che sono impercettibili per l’uomo, ma disturbano gli insetti nelle vicinanze. Progettati per la protezione di piccoli ambienti, gli antizanzare a ultrasuoni sono soprattutto utilizzati nelle camere da letto, in particolar modo nelle stanze dei neonati, che sono soggetti senza difese contro le zanzare.

Benché il meccanismo sia diverso, la sostanza del discorso è uguale a quella delle piante antizanzare. Non c’è dubbio che le loro proprietà e il loro odore abbiano caratteristiche repellenti nei confronti di insetti e zanzare, ma siamo pronti a scommettere che sdraiarvi seminudi al fianco di una siepe di rosmarino, al tramonto e nei pressi di un lago, non basterà a tenervi al riparo dalle punture. Giusto? 😉

In conclusione

Quello che è certo, però, è che – ammesso che abbiano una qualche efficacia – gli strumenti a ultrasuoni (siano essi dispositivi specifici oppure smartphone trasformati in antizanzare da una app) non sono in nessun caso sufficienti da soli a garantirci contro le punture di zanzara. Se siete curiosi e volete provarli (le app antizanzare come detto sono gratuite, mentre un dispositivo a ultrasuoni ha un costo di partenza di 10-15 euro) vi consigliamo di utilizzarli solo all’interno di una strategia antizanzare completa, che includa necessariamente zanzariere alle finestre e altri rimedi. Tra questi, i più efficaci restano sempre i repellenti chimici.

  • 4
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *