Un po’ come accade con le creme solari, ogni anno l’arrivo della primavera riporta alla luce, dal profondo di cassetti e beauty abbandonati, scorte di spray e altri repellenti antizanzare che magari ci eravamo scordati di avere acquistato l’anno scorso. La cosa ha tutta l’aria di un colpo di fortuna, ma presto un dubbio si fa strada nelle nostre menti: e se non fossero più efficaci?

Come prima cosa, ovviamente, è il caso di guardare bene cosa c’è scritto sulla confezione del prodotto. Molti antizanzare riportano chiaramente una data di scadenza, che se è già trascorsa non lascia scampo ad equivoci: il prodotto va ricomprato perché non garantisce più quel livello di efficacia. Se sulla confezione non ci fosse una data di scadenza, allora possiamo regolarci seguendo dei criteri generali che valgono a seconda del genere di repellente (spray, stick, gel e altri) utilizzato.

Spray

repellenti per zanzare spray

Le bombolette spray sono i prodotti che si conservano meglio. Il principio attivo, infatti, resta di solito ben protetto dall’involucro (sempre che non lo abbiate conservato vicino a fonti di calore). Se la data di scadenza non c’è o non è ancora trascorsa, potete spruzzarvi il repellente e incrociare le dita, perché avete discrete possibilità che sia ancora valido.

Piastrine da bruciare

piastrine antizanzare

Le piastrine da bruciare vengono fornite in confezioni ermetiche, perciò si deteriorano più difficilmente e restano efficaci per molto tempo. Usateli senza problemi, sempre facendo attenzione a seguire le indicazioni (in particolare quella di areare i locali prima di soggiornarvi).

Gel

gel antizanzare

Creme e gel antizanzare conservati all’interno di tubetti o delle classiche boccette sono ad alto rischio, perché se li avete aperti e usati da oltre un anno è probabile che l’aria all’interno abbia reso inefficace il repellente. Se la data di scadenza non è ancora trascorsa, comunque, potete fare un tentativo.

Stick

stick antizanzare

Come per i deodoranti stick, anche i repellenti usati e non finiti possono essere ancora validi, a patto di rimuovere la parte più superficiale dallo stick, che probabilmente è secca ed inutile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *